101 Cose da Fare a Bologna Almeno Una Volta Nella Vita

Last weekend, I was wandering around Bologna when I was approached by a boy who asked me how to find La Feltrinelli, a local bookstore. It wasn’t far from where we were so I led him there and, since I had yet to explore a bookstore here, followed him inside.  I hadn’t planned on shopping at all until I found an apartment, but I told myself that I could look for books for my research, and that that was an acceptable excuse to buy something today. But, as it turns out, La Feltrinelli is divided into two stores, and this one had only language and tourism books, in addition to the novels one would expect at a bookstore. So, left with no other choice, I perused the tourism books and found this one: 101 Cose da Fare a Bologna Almeno Una Volta Nella Vita (101 Things to Do in Bologna At Least Once in Your Life.) It’s an incredibly useful book, full of ideas of things to do for free and for fun around Bologna. I’ve decided to use it as an organizing theme for the blog, so you all can follow along as I do 101 things in Bologna. So far I’ve accomplished:

1. Iniziate Da Piazza Maggiore (Start from the Piazza Maggiore)

You may remember the Piazza Maggiore from my last post. It’s Bologna’s main square, and it consists of San Petronio, the church, il palazzo dei Notai (the notary’s palace), il portico del Pavaglione, and il Palazzo dei Banchi (the bank’s palace).  On Sunday, I met Greg, one of the Fulbrighters from last year, for an historic tour of Bologna, and this is where we started.

The view of the Piazza Maggiore from the top of San Petronio.

 2. Immaginarsi la Chiesa che Doveva Essera la Più Grande del Mondo (Picture the Church that Would have Been the Largest in the World)

San Petronio, the Church in the Piazza Maggiore, is unfinished. As Greg explained, it was intended to rival the size of St. Peter’s in Rome and the marble on the Duomo of Florence, but funding was redirected to the University of Bologna before the church was complete. Now, the façade is made entirely of brick with holes where the eventual marble would have attached, and many of the statues are missing. Inside, the frescoes were not completed and many of the side chapels are missing their stained glass. One can see, however, that it would have been magnificent had it been completed.

The facade of San Petronio from up close.

7. Guardare la Statua del Nettuno dalla Giusta Prospettiva (Look at the Statue of Neptune from the Proper Angle)

The statue of Neptune in the Piazza del Nettuno serves as a symbol of Bologna. It was sculpted by Tommaso Laureti, who made it a pagan monument. As such, there is one viewpoint on the statue that any good 12-year old boy would find hilarious. There is, understandably, no picture for this one.

21. Sedersi, la Sera, in Piazza Santo Stefano (Sit Down, in the Evening, in the Piazza Santo Stefano)

Greg introduced me to this spot, which he called one of his and Sarah’s favorites in Bologna. There’s a small café, with tables in the Piazza, where one can get a Chinoto (an Italian drink rather like Coca Cola + birch beer) and small appetizers for relatively cheap and enjoy the view. It’s a nice spot, with relatively little traffic, and tons of people-watching. I took two new friends there on Wednesday, and we all loved it.

101. Salire Sulla Torre degli Asinelli (Climb the Asinelli Tower)

Greg and I did this Sunday afternoon. The tower is really tall – taller than the Leaning Tower of Pisa and the Bell Tower of St. Peter’s. There are markers on the walls inside Asinelli telling you when you’ve reached those heights. Bologna used to be the city of towers; the towers were the bastions of individual families, who would retreat into them whenever there was a conflict. As the families fell, however, their towers were torn down along with them, so many of the original towers are not still here. The famous towers are Asinelli and Garisenda, which stand in the middle of the city. From the top of the Asinelli tower, you can see the entirety of Bologna and its surrounding mountains on a clear day. Bologna is so near the Apennine range that there is a lot of fog, and the air quality here is said to be rather bad, but the view is still beautiful. You can see how the streets radiate out from the center of the city to the surrounding walls and gates, and how the suburbs have sprung up around the centro storico. It’s quite the view.

View from the top of Asinelli. Isn't it pretty?

The first picture of me from this trip.

The hills that border Bologna.

This is the Cathedral.

See how straight the streets are?

Other things I’ve done (not from the list):

– Sampled some magnificent gelato at Stefino, a local favorite

– Seen St. Dominic’s tomb (and head) inside San Domenico

– Tried Italian hot chocolate (more like warm pudding with cream – so good!)

– Eaten at Osteria al 15, where I got Lasagna with Gorgonzola and Bologna’s traditional appetizer of breads and cheeses and meats

– Made new friends in Christina, a history student living here, and Joanna, the other Fulbrighter in Bologna this year

– Found a speaking partner for a language exchange – she’s learning English while I learn Italian, so we can help each other

This is the hot chocolate. Topped with cream. Soooo good.

Christina and I enjoyed our hot chocolate with this random notary's tomb. These raised tombs are all over Bologna.

102. Esplorare i Ruini Sotto la Sala Borsa (Explore the Ruins under the Sala Borsa) <—I made this up. It’s not on the list, but it should be.

Christina and I did this one yesterday. Bologna was built over Roman ruins (the city was once called Velzna) and when they constructed the public library, the Sala Borsa, they left the ruins visible through a glass block floor and built a walkway for visitors to explore. The area is small, but the layers of brick and stone are evident, and you can see wells and the foundations of buildings. It’s really cool. There’s a whole archeological museum dedicated to Velzna, which made number 9 on the list – expect to read about that one someday.

The ruins under the Sala Borsa. You can see where the floor supports come down onto these ancient bricks and layers.

A Roman well.

Bricks! That have been there for thousands of years, still in order. That's some high-quality masonry right there.

Yours truly, looking a little paler than usual thanks to low lighting.

Coming soon:

8.      Studiare all’Archiginnasio (Study at the Archiginnasio)

11.    Sentirsi un po’ Chic per li Vie dello Shopping (Feel Chic for the Shopping Roads)

41.    Passare una Giornata da Studente (Spend a Day as a Student)

89.    Fare un Voto e Salire a San Luca (Take a Vow and Climb San Luca)

—–

Il weekend scorso, ero girovagata a Bologna, quando sono stata avvicinata da un ragazzo che mi ha chiesto come trovare La Feltrinelli, una libreria locale. Non era lontano da noi, allora l’ho guidato là e, poiché non avevo ancora esplorato una libreria bolognese, l’ho seguito all’interno. Non avevo avuto in progetto di fare lo shopping finché ho trovato un appartamento, ma mi ho detto che potevo cercare i libri per la ricerca e quella era una scusa accettabile di comprare qualcosa oggi. Sfortunatamente, La Feltrinelli ha due posizioni, e questa è solo per i libri di turismo e le lingue, oltre i gialli che si aspetta. Allora, con nessuna altra scelta, ho scorso i libri di turismo e ho trovato questo: 101 Cose Fare a Bologna Almeno Una Volta Nella Vita. È un libro molto utile, pieno delle idee di cose da fare gratuite e per scherzo a Bologna. Ho deciso di utilizzarlo come una tema per il blog, allora potete leggere insieme mentre faccio le 101 cose a Bologna. Finora, ho fatto:

 1.Iniziate da Piazza Maggiore

Ricordereste dal post scorso la Piazza Maggiore. È la piazza principale a Bologna, e consiste di San Petronio, la chiesa, il Palazzo dei Notai, il portico del Pavaglione, e il Palazzo dei Banchi. A domenica, ho incontratto Greg, uno dei borsisti Fulbright dal’anno scorso, per un viaggio istorico d Bologna, e abbiamo iniziato qui.

 2.Immaginarsi la Chiesa che Doveva Essera la Più Grande del Mondo

San Petronio, la chiesa nella Piazza Maggiore, non è finita. Come ha detto Greg, era destinata competere con i dimensioni di San Pietro a Roma e il marmo del Duomo a Firenze, ma il finanziamento era diretto di nuovo all’Università di Bologna prima di completamento della chiesa. Ora, la facciata è fabbricata di mattone con i bucchi dove il marmo avesse attaccato, e alcuni statue sono in assenza. Indietro, gli affreschi non erano complettati e molti delle capelle sono senza le vetrate. Si può vedere, però, che la chiesa sarebbe stata magnifica se fosse completata.

 7.Guardare la Statua del Nettuno dalla Giusta Prospettiva

La statua di Nettuno nella Piazza del Nettuno serve come un simbolo di Bologna. Era fabbriccata da Tommaso Laureti, chi l’ha constratto come un monumento pagano. In quanto tale, c’é un punto di vista che a qualsiasi ragazzo che ha dodici anni sarebbe divertente. Non c’é una foto per questo.

21. Sedersi, la Sera, in Piazza Santo Stefano

Greg mi ha introdotto a questo locale, cui ha chiamato uno dei suoi (e a Sarah) preferiti a Bologna. C’é una piccola café, che ha le tavole nella piazza, dove si puó prendere un chinoto e gli antipasti a buon prezzo e gode della vista. É un posto bello, senza troppo traffico, e che ha molto persone. Sono andata qua mercoledì con due nuove amiche, e ci piace molto.

 101.Salire Sulla Torre degli Asinelli

Greg e io abbiamo fatto questo domenica pomeriggio. La torre è tanto alta – più alt ache la torre a Pisa e la campanile alla Basilica di San Pietro a Roma. Ci sono segni sui muri nella torre che si dica quando si è arrivato a queste altezze. Bologna era la città delle torri; le torri erano i bastioni delle famiglie individuali, chi hanno battuto in ritirata ogni volta che c’era un conflitto. Mentre le famiglie erano cadute, comunque, le sue torri sono state distrutte, allora molte delle torri non ancora esistono. Le torri più famosi (che ancora esistono) sono Asinelli e Garisenda, che si trovano nel centro della città. Dalla cima della torre Asinelli, si puó vedere tutto di Bologna e le montagne circostanti su un giorno chiaro. Bologna é cosí vicino gli appenini che c’è nebbia, e la qualità dell’aria corre dice che essere male, ma la vista è ancora bella. Si può vedere che le strade si irradiano dal centro ai muri e alle porte, e che la periferia ha cominciato circa il centro storico. È una vista bella.

 Le altre cose che ho fatto (non dalla lista):

– assaggiato alcune gelato delisiosi a Stefino

– visto la tomba di San Domenico (e la sua testa) alla chiesa San Domenico

– assaggiato cioccolato caldo italiano

– mangiato al Osteria al 15, dove ho mangiato lasagna con gorgonzola e l’antipasto italiano tradizionale

– incontrato nuove amiche: Christina, una studentessa istorica che abita qui, e Joanna, l’altra borsista a Bologna quest’anno

– trovato un inconto tandem con una ragazza che impara l’inglese mentre imparo io l’italiano, allora possiamo aiutarci

 102.Esplorare i Ruini Sotto la Sala Borsa

Christina e io abbiamo fatto questo ieri. Bologna era construita sopra ruini romani (la città si era chiamata Velzna) e quando i Bolognese hanno costruito la Sala Borsa, hanno lasciato i ruini visibili tra il pubblico vetro e hanno costruito un sentiero per esplorare. L’area é piccolo, ma gli strati di marrone e pietra sono visibili, e si può vedere i pozzi e le fondazioni. È tanto imponente. C’é un museo per Velzna, che é numero 9 sulla lista – aspetta di leggere su questo un giorno o l’altro.

A presto:

8.      Studiare all’Archiginnasio

11.    Sentirsi un po’ Chic per li Vie dello Shopping

41.    Passare una Giornata da Studente

89.    Fare un Voto e Salire a San Luca


One response to “101 Cose da Fare a Bologna Almeno Una Volta Nella Vita

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: