Lucy’s Visit: Firenze

As I’ve said before, Florence was the first city I ever lived in in Italy, and I’ll always jump at the chance to go. So when Lucy said she wanted to go, I enthusiastically invited myself along. She found a hostel in the city, but I decided I was just going to take the train back and forth to retain some flexibility in travel and timing, which wound up being a potentially bad call since I went on two consecutive days and was therefore incredibly tired.

Tired or not, though, I did love the time in Florence. The first day I went, Lucy and I headed to the Uffizi to get ourselves advanced tickets and a reservation for the two of us and Joanna and Christina, who were joining us for the museum and my second day in Florence. The reservation system is fantastic, especially as we get toward spring and therefore tourist season.  With a reservation, you don’t need to wait two hours in line to get your tickets before you go in, you just have to wait until a specified time, clear security, and you’re good to go. That’s even worth the four euro fee for the advanced ticket, which turned out to be all that Joanna and I paid thanks to our convenient Fulbright museum passes.

So, tickets in hand (which did take awhile, since one of the people in front of us in line was a teacher buying eighty tickets for two reservation times), we went to see Santa Croce, the burial church of Florence. Santa Croce was on the list of things Christina and I had wanted to see but didn’t make it to, since we missed the last entrance time by fifteen minutes, so I told Lucy I definitely had to see it. She, too, was pretty excited, because Santa Croce is home to a funerary monument by Félicie de Fauveau, the artist she’s primarily working on in Paris. This was her first chance to see one of Fauveau’s works in person, as those in Paris are currently closed off to the public in preparation for an exhibition. Of course, we also got gelato on the way (my first taste of cinnamon gelato), which only served to make us more giddy.

Santa Croce is the resting place of many people important in Florentine and Italian history.  Coming through the front doors, one would see the tombs of Galileo Galilei, Michelangelo Buonarotti, Niccolo Machiavelli, Vittorio Alberti, Leon Battista Alberti, and monuments to Dante, whose body is actually in Ravenna, and Enrico Fermi, buried in Chicago.

Galileo’s tomb.

Michelangelo’s tomb.

The memorial to Dante.

The church itself is gorgeous. The current church was constructed in 1294, and consecrated in 1442. Much of the work on its sixteen chapels was done by Giotto and his school. The church was also home to a crucifixion by Chimabue, but that and a large part of the church was damaged by a flood in Florence in 1966. As a result, it is still under restoration, and the main altar is covered by scaffolding.

Outside, though, Santa Croce is in perfect condition. There are two amazing cloisters and a few outdoor chapels, along with the burial gallery, where Lucy’s sculpture was.

This is the interior of one of the cloisters. Complete with sun and grass, it was gorgeous!

Félicie de Fauveau’s monument to Louise Favreau. I think Lucy cried.

Part of the other cloister.

There’s also a museum attached to the church and its cloisters that houses some of the works no longer on display inside, including Chimabue’s damaged cross. The museum is included free with the entrance price, and is well worth a visit if you ever go.

This is the hall of funerary monuments outside the church.

Chimabue’s cross, complete with mud. Isn’t it beautiful, though?

That afternoon, we met with Lucy’s friend Theresa, who’s in Florence studying Etruscan archeology. She’s actually outside of Siena in Vescovado, where she participates in a dig every summer, but was working for a few days at the archive in Florence and her trip just happened to coincide with Lucy’s. So, the three of us got a bottle of wine and made our way to the Boboli gardens. Boboli is one of those great places you never get sick of seeing and can always feel good about, and on such a gorgeous day it was the perfect activity. We just sat under a tree and talked and laughed, and then convinced a kind stranger to get this picture for us:

Theresa, Lucy, and me.

We also did manage some walking around in the park, where we found this sign. That is a dangerous tree, folks. Watch out!

We stayed at Boboli until it closed, and a guard actually chased us out with a whistle. The others walked me to the train station, and then went to dinner while I headed back to Bologna to start another day.

Friday morning, I met Christina and Joanna at the train station for day two. When we arrived, we went on a search for souvenirs at the leather market. Noting how little time we have to souvenir shop, it seemed like a great place to pick up trinkets and nice things to bring home. Plus, it’s conveniently located in the neighborhood of the museums and the Chiesa di Orsanmichele, famous for its sculptures.

We even made Lucy pet the porcellino.

This is St. George, on the facade of Orsanmichele.

For lunch, we picked up sandwiches at a small shop near the Piazza Signoria and then ate in the piazza on the steps of the loggia. There was a guitarist there performing and selling his CDs, and it felt very Florentine. I even had pecorino on my sandwich (as did Christina), so it was like a piece of Tuscan heaven. We then walked around a bit before our Uffizi reservation, and came across this memorial near the Piazza.

I will confess I had forgotten it was there, but upon seeing it again remembered trekking there with a class I took during study abroad on the history of the Italian mafia. A bomb exploded on this site on 27 May, 1993, and the city planted an olive tree to commemorate it. I remember it being very chilling standing there with a group of fellow American students whose lives had likely never been affected that close to home hearing someone talk about the devastation and just seeing that peaceful tree in its stead. This time, I got the chance to explain to the others what happened.

When 2pm rolled around, we walked the short distance to the Uffizi and headed inside. No photos are allowed inside the museum, not that any could really capture all there is to see there. I think we stayed in the Botticelli room alone for at least 45 minutes, and it was incredible. I can’t do justice to the Uffizi with words, but by far the most incredible (and I mean that in the unbelievable sense) part is that it used to be someone’s house. Wow.

Joanna moves at her own pace in museums, so she left a bit ahead of the rest of us to see Boboli, while the rest of us went to the leather school. The leather school of Florence (la scuola del cuoio) is one of the places I loved visiting when I lived there. It smells incredible, and all of their products are handmade and wonderful quality. I bought Austin a belt there, and they stamped his initials inside it for free in gold leaf. So, when we’d had no luck at the leather market, I decided we had to go. It’s located behind Santa Croce in the monastery, so we had a nice walk over there, and it benefits from proximity to the church’s cloister and gardens. Isn’t it lovely?

The school’s courtyard.

A peek inside the workshop.

Purchases made, we met with Joanna again on the Ponte Vecchio and went to dinner. The restaurant we chose had come highly recommended by Gabrielle after her visit to Florence, so we knew we were in for a treat. It’s called the Trattoria ZaZa, located next to the San Lorenzo market, and not only was the food incredible, but also we were serenaded during dinner!

The band that played to us while we ate.

Christina and me with our plates.

Firenze, mi manchi.

—–

Come ho detto prima, Firenze è stata la prima città in cui ho abitato in Italia, e sarò sempre saltare la possibilità di andare. Dunque, quando Lucy ha detto che voleva andare, mi ha invitato insieme con entusiasmo. Ha trovato un ostello in città, ma ho deciso che stavo andando a prendere il treno avanti e indietro per mantenere una certa flessibilità nei viaggi e nel tempo, che si snodava per essere una chiamata potenzialmente brutto da quando sono andato per due giorni consecutivi ed ero quindi incredibilmente stanca.

Stanca o no, però, mi ha fatto amare il tempo a Firenze. Il primo giorno sono andata, Lucy e io abbiamo guidato agli Uffizi di farci i biglietti avanzati e una prenotazione per le due di noi e Joanna e Christina, che sono stati uniti a noi per il museo e il mio secondo giorno a Firenze. Il sistema di prenotazione è fantastico, soprattutto, come abbiamo più verso la primavera e quindi stagione turistica. Con una prenotazione, non c’è bisogno di aspettare due ore in linea per ottenere i biglietti prima di andare dentro, devi solo aspettare che un tempo specificato, la sicurezza chiaro, e siete a posto. E ‘anche degno la tassa 4 € per il biglietto avanzato, che si rivelò essere tutto ciò che Joanna e ho pagato grazie al nostro comoda Fulbright tesserae ai musei statali.

Poi, biglietti in mano (che ha preso un po’, di tempo che una delle persone di fronte a noi in linea era un insegnante che doveva comprare ottanta biglietti per due volte di prenotazione), siamo andati a vedere Santa Croce, la chiesa sepoltura di Firenze. Santa Croce era sulla lista delle cose Christina e io avevamo voluto vedere, ma non farla, dal momento che abbiamo perso l’ultima volta all’ingresso di quindici minuti, quindi ho detto Lucy che ho sicuramente dovuto vederlo. Anche lei era molto emozionata, perché Santa Croce è sede di un monumento funerario di Félicie de Fauveau, l’artista sta lavorando principalmente a Parigi. Questa era la sua prima occasione di vedere una delle opere Fauveau di persona, come quelli di Parigi sono attualmente chiuse al pubblico in preparazione per una mostra. Naturalmente, abbiamo anche avuto gelato lungo la strada (il mio primo assaggio di gelato alla cannella), che servì solo a renderci più vertigini.

Santa Croce è il luogo di riposo di molte persone importanti nella storia fiorentina e italiana. Venendo attraverso le porte anteriori, si potrebbe vedere le tombe di Galileo Galilei, Michelangelo Buonarroti, Niccolò Machiavelli, Vittorio Alberti, Leon Battista Alberti, e monumenti a Dante, il cui corpo è in realtà a Ravenna, ed Enrico Fermi, sepolto a Chicago.

La chiesa è stupendo. La chiesa contemporarea fu costruita nel 1294, e consacrata nel 1442. Gran parte del lavoro sulle sue sedici cappelle è stato fatto da Giotto e dalla sua scuola. La chiesa era anche sede di una crocifissione da Chimabue, ma che e gran parte della chiesa è stata danneggiata da un’alluvione a Firenze nel 1966. Come risultato, è ancora in fase di restauro, e il maggiore è coperto da impalcature.

Fuori, però, Santa Croce è in perfette condizioni. Ci sono due chiostri sorprendenti e alcune cappelle esterne, insieme alla galleria di sepoltura, in cui era la scultura di Lucy.

C’è anche un museo annesso alla chiesa e dei suoi chiostri che ospita alcune delle opere non più all’interno dello schermo, tra cui la croce danneggiato di Chimabue. Il museo è incluso gratuitamente con il biglietto d’ingresso, ed è ben merita una visita se mai andare.

Quel pomeriggio, ci siamo incontrati con Teresa, un’amica di Lucy, che è a Firenze a studiare archeologia etrusca. Lei abita in realtà fuori di Siena in Vescovado, dove partecipa in uno scavo ogni estate, ma stava lavorando per alcuni giorni presso l’Archivio di Firenze e il suo viaggio è appena successo in concomitanza con quello di Lucy. Quindi, noi tre abbiamo una bottiglia di vino e abbiamo reso la nostra strada verso il giardino di Boboli. Boboli è uno di quei grandi luoghi che non si ammalano mai di vedere e di sentire sempre bene, e in una giornata splendida è stata l’attività perfetta. Rimanemmo seduti sotto un albero e parlavano e ridevano, e poi convinto un estraneo gentile per ottenere questa foto per noi.

Siamo state a Boboli fino alla sua chiusura, quando una guardia in realtà ci cacciato con un fischio. Gli altri mi accompagnò alla stazione ferroviaria, e poi sono andate a cena, mentre io tornai a Bologna per iniziare un altro giorno.

Venerdì mattina, ho incontrato Christina e Joanna alla stazione ferroviaria per il secondo giorno. Quando siamo arrivate, siamo andate alla ricerca di souvenir al mercato della pelle. Notando quanto poco tempo che abbiamo a cercare di souvenir, sembrava un luogo ideale per raccogliere gingilli e le cose belle da portare a casa. Inoltre, è situato nel quartiere dei musei e la Chiesa di Orsanmichele, famosa per le sue sculture.

Per il pranzo, abbiamo raccolto panini in un piccolo negozio vicino alla Piazza della Signoria e poi mangiato in piazza sui gradini della loggia. C’era un chitarrista lì eseguire e vendere i suoi cd, e sembrava molto fiorentina. Ho anche avuto pecorino sul mio panino (come ha fatto Christina), quindi era come un pezzo di paradiso toscano. Abbiamo poi girato un po ‘prima la prenotazione degli Uffizi, e siamo imbattute in questo memoriale vicino alla Piazza.

Vi confesso che avevo dimenticato che era lì, ma dopo aver visto di nuovo ricordato il trekking lì con una classe ho preso durante lo studio all’estero sulla storia della mafia italiana. Una bomba è esplosa su questo sito il 27 maggio 1993, e la città piantato un albero olivo per commemorare esso. Ricordo che essendo molto agghiacciante lì con un gruppo di compagni di studenti americani la cui vita era probabilmente mai stata colpita così vicino qualcuno che parla a casa udienza sulla devastazione e solo vedere quell’albero pacifica in sua vece. Questa volta, ho avuto la possibilità di spiegare agli altri quello che è successo.

Quando 14:00 arrivò abbiamo percorso la breve distanza dalla Uffizi e si diresse al suo interno. Nessuna foto sono ammessi all’interno del museo, non è che ogni poteva davvero catturare tutto quello che c’è da vedere lì. Penso che siamo state in camera Botticelli da solo per almeno 45 minuti, ed è stato incredibile. Non riesco a rendere giustizia agli Uffizi con le parole, ma di gran lunga la più incredibile parte è che ha usato per essere casa di qualcuno. Waow.

Joanna si muove a proprio ritmo nei musei, così ha lasciato un po ‘avanti rispetto al resto di noi per vedere Boboli, mentre il resto di noi è andato alla scuola cuoio. La Scuola del Cuoio di Firenze è uno dei luoghi che amavo visitare quando vivevo lì. Sente l’odore incredibile, e tutti i loro prodotti sono fatti a mano e di qualità meravigliosa. Lì ho comprato una cintura per Austin, e timbrato le sue iniziali al suo interno gratis in foglia d’oro. Dunque, quando avevamo avuto fortuna al mercato della pelle, ho deciso che dovevamo andarci. È situato alle spalle di Santa Croce del monastero, quindi abbiamo fatto una bella passeggiata là, e gode di vicinanza al chiostro della chiesa e giardini. È bella, no?

Gli acquisti effettuati, ci siamo incontrate con Joanna di nuovo sul Ponte Vecchio e andò a cena. Il ristorante che abbiamo scelto era venuto altamente raccomandato da Gabrielle dopo la sua visita a Firenze, quindi sapevamo che eravamo in una delizia. Si chiama Trattoria Zaza, che si trova vicino al mercato di San Lorenzo, e non solo era il cibo incredibile, ma siamo anche stati serenata durante la cena!


One response to “Lucy’s Visit: Firenze

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: