Amalfi

Upon our triumphant return from Dublin, Roz and I sat down to plan our next great adventure. We had talked about Prague as an option, with the thought that Eastern Europe would be a ton of fun to see, but settled instead on the Amalfi Coast, one of the spots on my list of places to go in Italy, for the simple reason that it was summer and we wanted to go to the beach.

So, the Friday after we got back, we got on a train for Rome, where we’d arranged a stopover to visit some of Rosalynd’s friends, who were there for the week. That night in Rome was the first and only of my travels that I had no hotel booked or bed arranged, and I was pleased to find that it worked out. We actually ended up in an excellent hostel called the Pop Inn, and a room titled “Yo Room,” and of course it was all in the spirit of bohemian travel.

We met her friends at the Pantheon, got granita, and then walked around the city talking. We saw the Angels bridge, the Vatican all lit up at night, and took a stroll along the Tiber, where one of Roz’s friend got into a spontaneous race with a passing runner. From our walk, we wound up spending the evening at Scholar’s, an Irish bar in Rome. It was a good tribute to our time in Dublin, but not even comparable. All the people we met up with were really fun, so we extended a beach invitation for anyone who felt like taking the train down to Sorrento.

Roz and her friends. She was so excited.

Saturday morning, we dragged ourselves to the train station bright and early, but the first train to Naples was full, so we left to get a good breakfast (mmm omelettes) and went back to catch the next train with Roz’s friend Owen, who decided to join us for a bit. The main train lines don’t run to Sorrento, so to get to the Amalfi coast from Rome, you take a train to Naples then a second train called the Circumvesuviana from Naples to Sorrento. By the time we reached Naples, we were hungry for a little lunch. Naples is, after all, the birthplace of pizza, and Owen is working on a pizza place in Cincinnati, which made the decision easy.

So, bags in hand, we trekked from the train station down a small side street to a family-owned pizzeria that was quite good. At Owen’s request, we had a quattro stagione, a four seasons pizza with four different toppings on it. It was incredible!

Pizza finished, we took our things back to the train station and bought our tickets to Sorrento. The Circumvesuviana is pretty cool, even if it takes an hour, because it passes by Herculaneum, Pompeii, and, as the name suggests, Vesuvius itself. It also passes through a few cute towns and has a gorgeous view of the water in some places. Despite losing our Pringles to the floor of the train, we had a pleasant ride down.

Our accommodation in Sorrento was a bungalow that Roz found online, and it was charming. We had a little bedroom, a kitchenette, and tons of extra beds (perfect for having guests!), and though our bed somehow acquired ants, the staff were very good at getting them out and answered our every request.

That first night, we went down into Sorrento to explore. We walked through the main square and saw the ravine that cuts across the city, then went to see the water. Even at nighttime, the cliffs and deep blues of her Mediterranean along the Amalfi Cast are gorgeous. After feasting our eyes, we found a restaurant (to feast our stomachs) and got our second pizza of the day, which was followed by an expensive cab ride back to our bungalow to rest up for Sunday.

Walking around Sorrento.

Who doesn’t love pizza?

The cliffs by night.

For our first full day in Sorrento, Roz and Owen were determined to find a beach and spend some time in the sun. After some excellent google searching, Roz found the best beaches in the area, and we wound up following a crowd of obvious beach goers in bathing suits a private beach, where we rented deck chairs and I swam while the others sunburned. There’s something magical about swimming in water so clear you can see your feet even standing in water up to your head. It’s like every pool you ever went to as a child, but there’s no awful stinging chlorine, no thousand screaming people, no lifeguards, and it’s all meant to be there.

After some time in the sun, though, it does get rather exhausting and, as my new friend in the park keeps reminding me, someone as pale as I am should really be inside during the day. Collecting our things, we headed back to our bungalow to change and clean up, and then went to the train station to go to Pompeii.

The ruins at Pompeii are some of the most famous in Italy, next to the Coliseum and the forum in Rome. When archaeologists discovered the site, they found a nearly intact city covered in layers of ash and dust buried by an eruption from nearby Vesuvius in AD 79. What killed many of Pompeii’s residents was not the eruption itself, but the poisonous gas that spread over the city on the second day. Much of our modern knowledge of the eruption comes from an account by historian Pliny the Younger, who sat on a boat while his uncle, Pliny the Elder, who was admiral of the fleet, attempted evacuations. Pliny the Elder died in the attempt.

The temple of Apollo in Pompeii.

The garden inside the bath house.

Frescoed walls intact in the bath house.

After being buried, some say as late as November, though Pliny maintains the eruption occurred in August, Pompeii was lost until 1748. While unearthing it, the archaeologists who found it discovered pockets of ash that contained the bodies of people buried in the rubble. To preserve them, they poured in plaster and made casts. They also found the oldest “Beware of Dog” sign in the world, a mosaic on the floor of a house bearing the words “Cave Canem,” along with several bath houses and temples. Much of what they discovered is now in the Archaeological Museum in Naples, but the site itself is still well worth the visit. It’s chilling, almost, to stand on an ancient street and know that no one saw it for almost 1700 years.

Cave Canem.

One of the empty streets of the city.

Since it was Sunday, Pompeii didn’t have many visitors and we were able to walk around almost by ourselves. We toured around, seeing many of the houses and temples, the bath house, the villa dei misteri, and then took the bike path that skirts the village over to the arena. We stayed until closing (and even a little after), then went back to Sorrento for a nice dinner at a restaurant near our hotel with a cliffside view over the water.

A ruin on the walk to the Villa dei Misteri.

One of the people found inside the Villa dei Misteri.

The walk to the arena, looking out over the ancient town in the foreground and the modern town behind.

The arena of Pompeii, still standing.

Standing inside the arena.

The sun sets on Pompeii.

The view by night from our restaurant.

Monday morning, it was back to the beach again, but this time a public one in Piano di Sorrento, which we had all to ourselves for a few hours.

Starting out our morning on the beach.

Where we swam.

Roz and Owen, sitting on the beach.

We were joined by a dog, who wanted to play.

Unfortunately, one of Owen’s socks was sacrificed in the process.

It started raining shortly after we left, but once Owen had gone for Naples and the rain cleared up, Roz and I walked around Sorrento, watched the sun set over the water, and then got an aperitivo in town before calling it an early night.

Roz decided she would move into this castle in the ravine if ever she found her homeless.

I found this Italian unification chess set in a wood shop. I loved it!

Sunset!

Southern Italy grows giant lemons. These were at our aperitivo.

Tuesday, we spent the day on the island of Capri, which was so beautiful it gets its own post, and then honored that age-old Italian tradition of aperitivo for dinner.

Sorrento really is a gorgeous city, so before leaving we spent our morning taking in what we could of the sun and the water before returning north to Bologna.

The marina in Piano di Sorrento, near our bungalow.

The perfect post-vacation evening: Chinese food and Jackie Chan movies.

—–

Al nostro ritorno trionfale da Dublino, Roz ed io abbiamo cominciato di organizzare la nostra prossima grande avventura. Avevamo parlato di Praga, come opzione, con il pensiero che l’Europa orientale sarebbe un sacco di divertimento da vedere, ma stabilì invece sulla Costiera Amalfitana, uno dei punti sulla mia lista dei luoghi da visitare in Italia, per la semplice ragione che era estate e volevamo andare in spiaggia.
Così, il Venerdì dopo siamo tornati, siamo saliti su un treno per Roma, dove avevamo organizzato una sosta per visitare alcuni amici di Rosalynd, che erano lì per la settimana. Quella sera a Roma era il primo e unico dei miei viaggi che avevo prenotato nessun albergo o bed disposti, e mi ha fatto piacere scoprire che ha funzionato. Noi in realtà passato la notte- in un ostello chiamato eccellente Inn Pop, e una sala dal titolo “Room Yo”, e, naturalmente, era tutto nello spirito del viaggio bohemien.
Abbiamo incontrato i suoi amici al Pantheon, abbiamo preso granita, e poi fecemo il giro della città a parlare. Abbiamo visto il ponte Angeli, il Vaticano tutto illuminato di notte, e abbiamo preso una passeggiata lungo il Tevere, dove uno degli amici di Roz entrato in una corsa spontanea con un corridore che passa. Dal nostro cammino, noi ci siamo ritrovati per passare la serata in Scholar, un bar irlandese a Roma. È stato un buon tributo ai nostri tempi a Dublino, ma non è nemmeno paragonabile. Tutte le persone che abbiamo incontrato erano davvero divertente, così abbiamo esteso un invito alla spiaggia per chiunque avesse voglia di prendere il treno a Sorrento.
Sabato mattina, ci siamo trascinati alla stazione ferroviaria di buon’ora, ma il primo treno per Napoli era pieno, così abbiamo lasciato per ottenere una buona colazione (omelette mmm) e tornado a prendere il treno successivo con Owen, uno dei amici di Roz, che ha deciso ad unirsi a noi per un po ‘. Le linee ferroviarie principali non correre a Sorrento, quindi in modo da raggiungere la Costiera Amalfitana da Roma, si prende un treno per Napoli, poi un secondo treno chiamato Circumvesuviana da Napoli a Sorrento. Con il tempo siamo arrivati a Napoli, avevamo fame per un pranzo poco. Napoli è, dopo tutto, la patria della pizza, e Owen sta lavorando a una pizzeria in Cincinnati, che ha reso la decisione facile.
Così, valigie in mano, abbiamo camminato dalla stazione ferroviaria lungo una stradina laterale a una pizzeria familiare, che era abbastanza buono. Su richiesta di Owen, abbiamo avuto un quattro stagione. E ‘stato incredibile!
Pizza finita, abbiamo preso le nostre cose alla stazione ferroviaria e comprato i nostri biglietti per Sorrento. La Circumvesuviana è piuttosto fresco, anche se ci vuole un’ora, perché passa da Ercolano, Pompei, e, come suggerisce il nome, il Vesuvio stesso. Si passa anche attraverso alcune città carine e ha una splendida vista delle acque in alcuni punti. Nonostante perdere le nostre Pringles al pavimento del treno, abbiamo avuto una piacevole passeggiata verso il basso.
La nostra sistemazione a Sorrento è stato un bungalow che Roz ha trovato on-line, ed è stato affascinante. Avevamo una piccola camera da letto, angolo cottura, e tonnellate di letti aggiuntivi (perfetto per avere ospiti!), E sebbene il nostro letto in qualche modo acquisito le formiche, il personale era molto bravo a farli uscire e ha risposto ogni nostra richiesta.
Quella prima notte, siamo scesi in Sorrento da esplorare. Abbiamo camminato attraverso la piazza principale e vide il burrone che taglia tutta la città, poi è andato a vedere l’acqua. Anche di notte, le scogliere e il blu profondo della mediterranea lungo la Costa Amalfi sono bellissime. Dopo la festa i nostri occhi, abbiamo trovato un ristorante (al banchetto i nostri stomaci) e ottenuto la nostra pizza secondo della giornata, che è stata seguita da una corsa in taxi costoso al nostro bungalow a riposare per Domenica.
Per il nostro primo giorno a Sorrento, Roz e Owen erano determinati a trovare una spiaggia e trascorrere qualche ora al sole. Dopo qualche ricerca eccellente, Roz ha trovato le migliori spiagge della zona, e ci siamo ritrovati in seguito ad una folla di bagnanti in costume da bagno evidenti di una spiaggia privata, dove abbiamo affittato sedie a sdraio e ho nuotato, mentre gli altri bruciato dal sole. C’è qualcosa di magico nuotare in acque così limpide che si può vedere i vostri piedi, anche in piedi in acqua fino alla testa. È come ogni piscina è mai andato come un bambino, ma non c’è cloro terribile bruciore, non migliaia di persone urlanti, senza bagnini, ed è tutto destinato di essere lì.
Dopo qualche tempo sotto il sole, però, non vengono piuttosto faticoso e, come il mio nuovo amico nel parco continua a ricordarmi, qualcuno pallida come io sto in realtà dovrebbessere all’interno durante il giorno. Raccogliere le nostre cose, siamo tornati al nostro bungalow di cambiare e pulire, e poi abbiamo andato alla stazione per andare a Pompei.
Le rovine di Pompei sono alcuni dei più famosi in Italia, dopo il Colosseo e il Foro di Roma. Quando gli archeologi hanno scoperto il sito, hanno trovato una città quasi intatta ricoperta di strati di cenere e polvere sepolta da un’eruzione dal vicino Vesuvio nel 79 dC. Che cosa ha ucciso molti degli abitanti di Pompei non era la stessa eruzione, ma il gas velenoso che è venuto in tutta la città il secondo giorno. Gran parte della nostra conoscenza moderna dell’eruzione proviene da un account dallo storico Plinio il Giovane, che sedeva su una barca mentre suo zio, Plinio il Vecchio, che era ammiraglio della flotta, tentò evacuazioni Plinio il Vecchio morì nel tentativo.
Dopo essere stato sepolto, alcuni dicono ancora nel novembre, anche se Plinio mantiene l’eruzione avvenuta nel mese di agosto, Pompei è stato perso fino al 1748. Mentre dissotterrare esso, gli archeologi che hanno scoperto che ha trovato sacche di cenere che contenevano i corpi di persone sepolte sotto le macerie. Per conservarli, essi versato in gesso e fatto realizzare dei calchi. Hanno anche trovato il più antico “attenti al cane” segno nel mondo, un mosaico sul pavimento di una casa con la scritta “Cave Canem”, insieme con le case da bagno diversi e templi. Molto di ciò che hanno scoperto è ora nel Museo Archeologico di Napoli, ma il sito è ancora vale la pena visitare. E ‘agghiacciante, quasi, a stare su una strada antica e sapere che nessuno l’ha vista per quasi 1700 anni.
Dato che era Domenica, Pompei non ha avuto molti visitatori e siamo stati in grado di camminare quasi da soli. Abbiamo girato intorno, vedendo molte delle case e dei templi, il bagno di casa, la villa dei Misteri, e poi ha preso la pista ciclabile che costeggia il villaggio verso l’arena. Siamo stati fino alla chiusura (e anche un po’ dopo), poi tornato a Sorrento per una bella cena in un ristorante vicino al nostro hotel con vista bellissima sopra l’acqua.
Lunedi mattina, si siamo tornati di nuovo in spiaggia, ma questa volta una spiaggia pubblica a Piano di Sorrento, che abbiamo avuto tutto per noi per qualche ora. È iniziato a piovere poco dopo la nostra partenza, ma dopo Owen era andato per Napoli e la pioggia chiarito, Roz ed io abbiamo camminato Sorrento, visto il tramonto sopra l’acqua, e poi ottenuto un aperitivo in città prima di chiamarlo a letto presto.
Martedì abbiamo trascorso la giornata sull’isola di Capri, che era così bella da prendere il posto proprio, e quindi onorati che secolare tradizione italiana di aperitivo per la cena. (Penso che abbiamo mangiato poco più di pizza in Sorrento in ogni caso.)
Sorrento è davvero una città bellissima, quindi prima di partire abbiamo trascorso la nostra mattinata prendendo in quello che abbiamo potuto del sole e l’acqua prima di tornare da nord a Bologna.


Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: